Berengan: “Si all’Alta Velocità, ma con un occhio di riguardo anche al trasporto locale”
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Berengan: “Si all’Alta Velocità, ma con un occhio di riguardo anche al trasporto locale”

La notizia che il Consiglio Provinciale di Rovigo decide finalmente di affrontare un tema ferroviario e trasportistico non può che trovare il PD polesano attento e contento.
L’ODG a favore della realizzazione di una linea ad Alta Velocità presentata dall’On. Caon di Forza Italia e votato dai consiglieri provinciali – ovvero dai sindaci del territorio – giunge in un momento storico in cui gli aspetti legati alla mobilità sostenibile, alla valorizzazione del trasporto pubblico, alla transizione ecologica sembrano essere finalmente sdoganati come questioni di tutti, trasversali all’appartenenza politica, per il beneficio di un intero territorio. Ed è proprio per questo che la posizione nei confronti di un tale ordine del giorno non può che essere prudenziale.
Prima di tutto perché quando si parla di alta velocità come la intende l’On. Caon si pensa ad una linea dedicata in cui i treni correranno fino a 300 km/h senza fermate intermedie da Padova a Bologna, richiedendo la realizzazione di una infrastruttura indubbiamente impattante sul territorio e molto costosa sia in termini di costruzione che di esercizio.
In questo senso viene da chiedere all’On. Caon quali potrebbero essere i benefici di una tale linea e di un tale servizio per il Polesine, al di là dei cantieri e del consumo di suolo provocato da quest’opera. Forse si crede che un servizio di questo tipo possa fermarsi ogni 10 minuti come farebbe un più umile treno regionale veloce che già c’é e non costa cinque miliardi solo di costruzione?
Più interessante e completa, invece, ci pare la mozione presentata dai Consiglieri regionali Venturini e Bozza. In questo caso si chiede la realizzazione di uno studio di fattibilità per capire l’impatto di quest’opera sul territorio, il costo effettivo e il bilancio rischio/beneficio dell’opera.
Tra l’altro, ed è per questo che la mozione Venturini-Bozza merita attenzione politica, si mette al centro l’ipotesi dell’alta velocità in un sistema di miglioramento complessivo della mobilità dei nodi di trasporto pubblico come Padova e anche Rovigo, secondo quanto prescritto dal vigente Piano regionale dei Trasporti.
Come a dire che l’alta velocità potrebbe essere redditizia per il Polesine solo e soltanto se si risolvono con l’occasione i colli di bottiglia storici del trasporto ferroviario: un migliore servizio lungo l’asse Legnago-Badia Polesine-Rovigo-Adria e Chioggia.
Il Polesine ha bisogno di un trasporto pubblico efficiente per favorire lo spostamento di lavoratori, studenti, turisti e di migliorare la mobilità delle merci nei vari centri logistici e interporti in modo sostenibile, rapido e redditizio. Questo, a dire il vero, chiedono le imprese e soprattutto i cittadini. Ed è su questi “binari” che si spera possa spostarsi ed alimentarsi il dibattito in consiglio regionale. Perché è giusto chiedere allo Stato il denaro che serve per fare le grandi infrastrutture. In questo caso il PD ci ha già messo la faccia tante volte: dallo sblocco dei cantieri dell’AV fra Brescia est e Verona, al tunnel di base del Brennero e al finanziamento delle tratte di accesso alla galleria che andranno a beneficio del territorio altoatesino, al tunnel di base del Moncenisio della nuova linea Lione-Torino. Dunque progettare e finanziare opere utili, che servono è possibile.
Per questo è importante rispettare gli impegni presi durante la realizzazione del Piano Regionale dei trasporti. Ce lo chiede la Regione Veneto: dobbiamo credere a tutte quelle strategie ed azioni dove viene sviluppato un concetto di alta velocità di rete ovvero una infrastruttura esistente migliorata in parte prima di tutto per liberare capacità a beneficio di treni merci e, appunto, di treni del trasporto regionale.
Il nostro impegno per un confronto a tutto campo su questi temi partendo da quello che dice il Piano regionale dei Trasporti c’è e dunque ben venga il dibattito aperto dalla mozione Venturini-Bozza se si mette al centro il territorio, i suoi problemi e una strategia di rilancio e finanziamento del trasporto pubblico locale definitiva, dignitosa e al passo con i tempi.

Manuel Berengan
Vice Segretario PD polesano con delega ai trasporti