• Libere dalla violenza

    Libere di essere, Libere di scegliere

    La violenza di genere è ancora in crescita: nel 2018 sono state 142 le donne uccise (+0,7%),di cui 119 in famiglia (+6,3%). Non si è mai registrata una percentuale così alta di vittime femminili (40,3%). “Gelosia e possesso” sono ancora il movente principale (32,8%). In aumento anche le denunce per violenza sessuale (+5,4%), stalking (+4,4%) e maltrattamenti in famiglia (+11,7% nel 2018)

    La violenza è la forma più estrema del dominio degli uomini sulle donne, quindi di rapporti non equilibrati.

    Le nostre proposte per vincere la violenza:

    1. Maggiori risorse ai centri antiviolenza, alle case rifugio e riconoscimento dei luoghi delle donne.
    2. Provvedimenti per favorire l’autonomia e l’inserimento nel mondo del lavoro delle donne vittime di violenza.
    3. Introduzione dell’educazione sentimentale nelle scuole e nelle università.
    4. Rilancio dei consultori e piena applicazione della 194

     

    ************************************

    Scarica il materiale di comunicazione

    ************************************

  • Il sottosegretario Andrea Martella in Polesine

    Venerdì 22 novembre, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Andrea Martella effettuerà alle 15.30 un sopralluogo alla Sacca di Scardovari per i danni provocati dalle mareggiate della scorsa settimana. Successivamente nella sede del Consorzio incontrerà le rappresentanze dei pescatori e le autorità locali, accompagnato dal consigliere regionale del Pd Graziano Azzalin.  Alle 18, invece, Martella sarà a Rovigo per l’assemblea pubblica del Partito Democratico in Pescheria Nuova: prima dell’inizio dei lavori (17.45) incontrerà la stampa.

     

  • VENEZIA: BARETTA, ZES A MARGHERA E IN POLESINE RISPOSTA MIGLIORE

    Roma, 20 nov. (Adnkronos) – “L’annuncio del ministro Provenzano della presentazione da parte del governo di un emendamento alle Legge di bilancio per estendere le agevolazioni previste per le Zes alla Zona logistica semplificata nel porto di Marghera e nell’area del Polesine è un’ulteriore, importante risposta a un territorio che sta affrontando una fase di forte difficoltà e che necessita di strumenti in grado di oltre l’emergenza e favorire ripersa e sviluppo”. E’ così che Pier Paolo Baretta, veneziano e sottosegretario al Ministero dell’economia, commenta la notizia del ministro per il sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano. “Si tratta – prosegue il sottosegretario – del completamento di un percorso che arriva da lontano e che, fin dalla scorsa legislatura, aveva visto un dialogo proficuo tra governo e amministratori locali e che ora ha un esito positivo. In questo modo, i sedici comuni dell’area Marghera-Polesine potranno accedere alle procedure amministrative semplificate e alle norme per il credito d’imposta previste dalla Zes”. Il provvedimento, conclude Baretta, “presentato dal ministro Provenzano, che ringrazio della positiva risposta alle molte istanze dei territori, prevede l’istituzione di una Zls rafforzata, che godrà di tutti i vantaggi fiscali delle zone speciali”.

  • “Tutta un’altra storia”, a Bologna dal 15 al 17 novembre

    Al via ‘Tutta un’altra storia. Gli anni 20 del 2000’, una tre giorni di apertura, partecipazione, confronto, che il PD e la sua fondazione presieduta da Gianni Cuperlo, che debutterà proprio in questa occasione, hanno voluto organizzare a Bologna dal 15 al 17 novembre.

    ******************************************

    SCARICA IL PROGRAMMA

    ******************************************

    Una assemblea aperta a tutti coloro che vorranno iscriversi e che vedrà la partecipazione di esponenti della società civile, del mondo produttivo, sindacale, culturale del Paese oltre che di membri del Governo, dirigenti e amministratori del Partito Democratico. In un momento in cui si fanno cene per celebrare Mussolini e il fascismo, si mette sotto scorta una sopravvissuta di Auschwitz, si negano agli studenti i fondi per il Viaggio della Memoria, non possiamo permettere che gli anni 20 del 2000 siano come quelli del secolo scorso ed è necessario quindi che raccontino tutta un’altra storia: questa è la sfida del futuro dei democratici.

     

    ******************************************

     

    Il segretario nazionale Nicola Zingaretti ha presentato nel corso di una conferenza stampa al Nazareno “Tutta un’altra storia”, la tre giorni che si terrà a Bologna dal 15 al 17 novembre.

     

    “Pilastro del Pd –ha detto Zingaretti- la necessità di rifondare una nostra capacità di lettura della società, di proposta culturale del Pd. Per questo abbiamo scelto uno slogan che ha come punto d’inizio gli anni 20 di questo secolo. Noi individuiamo in questo la sfida del futuro dei democratici: stare negli anni 20 del nuovo secolo affinché si scriva tutta un’altra storia”.

     

    Un appuntamento pensato perché una parte d’Italia si incontri. L’evento sarà anche il battesimo della fondazione culturale del Pd presieduta da Gianni CuperloDa oggi sono aperte le iscrizioni online, il programma sarà presentato nelle università per favorire la presenza all’assemblea di una grande partecipazione della società.

     

    “Noi diciamo sì al pluralismo e no al correntismo. Bologna sarà l’avvio della fondazione nazionale del Pd, noi vogliamo costruire una rete di relazione con i giovani, gli intellettuali, il mondo produttivo. Il nostro è un invito a venire a Bologna. Sarà il primo passo verso il rilancio e la ricollocazione politica del Pd” – ha detto ancora Zingaretti.

     

  • Delta devastato dal maltempo, i cambiamenti climatici sono la vera emergenza. La Regione deve mettere i soldi nel bilancio, non ci sono solo Olimpiadi

    Venezia, 13 novembre 2019

    “La costa veneta è stata devastata, ancora una calamità disastrosa a distanza di un anno dall’uragano Vaia. Zaia e la sua Giunta riusciranno a comprendere la gravità dei cambiamenti climatici, vera emergenza regionale? Nel bilancio in corso di approvazione non è stato stanziato neanche un euro, ma la prevenzione non si fa con gli slogan: la Regione deve essere in prima fila, metta subito delle risorse straordinarie anziché limitarsi a chiedere l’intervento di Roma e Bruxelles; altro film già visto”. È quanto afferma Graziano Azzalin, consigliere del Partito Democratico che questa mattina ha fatto un sopralluogo nel Delta del Po, flagellato dal maltempo.

    “Ho trovato un quadro apocalittico: le cavane dei pescatori, appena riparate dall’ultimo fortunale, sono state distrutte dalle mareggiate e dal vento. Il settore ittico, che è il cuore dell’economia di quest’area, rischia di subire un colpo tremendo. Sono eventi di una portata enorme, ma non eccezionali perché si ripetono sempre più spesso. È giusta la decisione di attivare l’unità di crisi e chiedere lo stato di calamità, in modo che le attività possano ripartire, rimborsando chi ha subito i danni; però occorre guardare anche in prospettiva per evitare che simili disastri diventino all’ordine del giorno. Finora è stato fatto poco o niente – denuncia Azzalin – pensiamo alle lagune, dove la Regione non investe dai 10 anni, ha azzerato i finanziamenti. Abbiamo un territorio che è quasi completamente sotto il livello del mare e il sistema lagunare al largo del Delta è la prima difesa naturale, che dobbiamo saper preservare e per farlo serve una manutenzione costante”. 

    “Ieri ho vissuto in prima persona il dramma di Venezia – prosegue il consigliere dem – oggi anche il sindaco Brugnaro dichiara che è una città più sensibile delle altre ai cambiamenti climatici. Gli unici che si ostinano a non capirlo sono Zaia e la sua maggioranza che in bilancio hanno bocciato tutte le nostre proposte per contrastare questa enorme emergenza. Adesso chiediamo con forza di riaprire la partita, perché i soldi non ci possono essere solo per le Olimpiadi. E se per farlo servirà più tempo, pazienza: è assurdo fare maratone come quella di ieri quando sapevamo dell’allerta acqua alta da ore, mettendo anche in pericolo il personale di Palazzo Ferro Fini, per il gusto di arrivare primi e lanciare la prossima campagna elettorale del governatore”.

     

    Graziano Azzalin – Consigliere PD Regione Veneto

  • Rovigo 22 novembre 2019 – Convegno: Il Sussulto e l’Orgoglio per una vera dignità “Veneta” è indispensabile un progetto di un PD NUOVO in un Centrosinistra vivace ed unito un Progetto VENETO e quindi un Progetto POLESANO

  • Rovigo 16 novembre 2019 – Convegno Sicurezza e Sviluppo