• RICHIEDENTI ASILO E ANAGRAFE: FACCIAMO CHIAREZZA.

    ROMA 19/07/2017 – Il parlamentare polesano Diego Crivellari interviene dopo le dichiarazione dell’assessore del Comune di Adria.

    Ha ragione l’assessore ai servizi demografici di Adria quando sostiene che i cittadini debbano sempre essere adeguatamente informati, ma – aggiungiamo noi – l’informazione che proviene dai livelli istituzionali dovrebbe essere quantomeno corretta e completa. Siamo perciò costretti a precisare che l’obbligatorietà dell’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo prevista dal recente decreto Minniti (Dl n.13/2017 “Disposizioni urgenti per l’accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale, nonché per il contrasto dell’immigrazione illegale”) – e specificata da una circolare del Ministero degli interni dei giorni scorsi – non prevede alcuna penalizzazione per i ‘cittadini italiani’, perché di per sé non dà automaticamente diritto all’assistenza sociale o alle case popolari come viene erroneamente asserito.

    L’articolo 8 del Dl 13/2017 prevede che i migranti ospitati nei centri di prima accoglienza o nel circuito Sprar siano iscritti all’anagrafe della popolazione residente applicando l’istituto della “convivenza anagrafica” come definita dall’art. 5 del DPR 223/1989. È inoltre previsto l’obbligo del responsabile della convivenza di comunicare entro 20 giorni al competente ufficio anagrafe la variazione della convivenza. In definitiva, l’obiettivo è quello di rendere più efficienti le procedure di identificazione dei richiedenti asilo, contrastare l’illegalità e garantire maggiore sicurezza dentro e fuori i centri, nello spirito del decreto. Lo stesso art. 8 del decreto Minniti norma la partecipazione su base volontaria dei richiedenti asilo ad attività di utilità sociale in favore delle collettività locali.

    Così il parlamentare del Partito Democratico Diego Crivellari.

Leave a reply.